Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

EMERGENZA CORONAVIRUS (COVID-19)

Data:

18/01/2021


EMERGENZA CORONAVIRUS (COVID-19)

ULTIMI AGGIORNAMENTI

Aggiornamento: dal 30 dicembre al 31 gennaio è vietato l’ingresso nelle Filippine a tutti gli stranieri – senza eccezioni – transitanti o provenienti dai seguenti Paesi: Italia, Regno Unito, Francia, Germania, Spagna, Paesi Bassi, Danimarca, Svezia, Irlanda, Svizzera, Giappone, Australia, Israele, Hong Kong, Islanda, Libano, Singapore, Corea del Sud, Sudafrica, Canada, Stati Uniti d'America, Portogallo, India, Finlandia, Norvegia, Giordania, Brasile, Austria, Pakistan, Giamaica, Lussemburgo, Oman, Repubblica Popolare Cinese, Ungheria ed Emirati Arabi Uniti. Tutte le esenzioni precedentemente concesse risultano sospese sino al 31 gennaio.

 

Emergenza COVID-19 in Italia

Le misure di quarantena sul territorio italiano sono regolate dal DPCM del 3 dicembre 2020, in vigore dal 4 dicembre 2020 al 15 gennaio 2021. Per completezza d’informazione, si specifica che le Filippine sono incluse nell’elenco E.

Per i Cittadini Italiani in rientro dall’estero e cittadini stranieri in Italia, si invita a consultare l'apposito "Focus" sul sito della Farnesina.

Per ogni domanda relativa alle misure di quarantena in vigore in Italia, si invita a consultare le FAQ pubblicate sul sito della Farnesina.

Dal 1 luglio:

  • si consentono i viaggi per studio dalle Filippine;
  • si consente, a prescindere dalla motivazione, l’ingresso in Italia di cittadini e residenti UE e loro stretti familiari conviventi (coniuge, partner, figli fino a 21 anni, genitori conviventi, altri familiari dipendenti per ragioni di disabilità).

NB: chi entra da Paesi diversi da UE, Area Schengen, UK e microstati europei continua ad essere sottoposto a quarantena (salvo casi di esclusione già previsti).

I viaggiatori che entrano in Italia dall'estero devono compilare un'autodichiarazione giustificativa dello spostamento, da consegnare al vettore aereo al momento dell'imbarco.

 

Emergenza COVID-19 nelle Filippine

Le autorità Filippine hanno revocato il divieto di viaggio in uscita non essenziale a partire dal 21 ottobre. I filippini che intendono di viaggiare devono presentare quanto segue:

  •  Biglietti di andata e ritorno confermati
  •  Assicurazione di viaggio e sanitaria per chi viaggia con visto turistico
  •  Dichiarazione di immigrazione che riconosce i rischi connessi al viaggio
  •  Risultato negativo dell'antigene preso entro 24 ore prima della partenza

Gli stranieri potranno lasciare il paese durante il periodo di quarantena e, sulla base della Resolution No. 15 (paragrafo 5/G-H) dello IATF (Inter-Agency Force for the Management of Emerging Infectious Disease), le autorità locali non devono impedire i loro movimenti verso gli aeroporti internazionali e le prenotazioni alberghiere.

Saranno ammessi via aerea nel paese solo cittadini filippini che rientrano dall’estero. Gli stranieri che potranno essere ammessi, ma con forti restrizioni sulle categorie ammesse e le modalità di arrivo (vedi le specifica sezioni - Restrizioni all'ingresso nelle Filippine e Ultimi aggiornamenti).

Si ricorda ai connazionali la necessità di regolarizzare la propria posizione migratoria prima di procedere all'imbarco per voli in uscita dalle Filippine. A riguardo, si informa che il Bureau of Immigration (BOI) ha consentito agli stranieri di estendere entro il 30 giugno i propri visti scaduti durante il periodo di lockdown direttamente presso gli aeroporti internazionali e senza il pagamento di penalità o sanzioni. Durante la quarantena, gli uffici del BOI sono aperti solo per gli stranieri muniti di un biglietto aereo in uscita dalle Filippine.

I connazionali presenti a qualsiasi titolo nelle Filippine sono invitati ad attenersi per quanto possibile alle misure di prevenzione contro il contagio da Coronavirus raccomandate dal Ministero della Salute (si veda la sezione "Prevenzione e trattamento" del sito internet del Ministero: http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioOpuscoliNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=443), in aggiunta a quanto gia' indicato dalle autorità locali.

 

COVID-19 – copertura delle spese mediche per gli stranieri

Si informano i connazionali che le autorità filippine hanno predisposto le seguenti linee guida per la copertura delle spese mediche dei cittadini stranieri che effettuino dei test da coronavirus (COVID-19) o ricevano dei trattamenti medici a seguito dell’infezione:

  • Per i test/ricoveri in strutture ospedaliere pubbliche, i relativi costi saranno addebitati agli stranieri o alle loro assicurazioni solo in caso di risultati negativi del test da COVID-19;
  • Per i test/ricoveri in strutture ospedaliere private, ogni costo sarà addebitato allo straniero o alla sua assicurazione.

 

Restrizioni all'ingresso nelle Filippine

La situazione, come dappertutto, è in continuo cambiamento pertanto le decisioni e i protocolli operativi del caso stabiliti dalle Autorità locali preposte sono in continuo mutamento - anche senza o con minimo preavviso. Si prega di far riferimento alla sezione "Ultimi aggiornamenti" per le ultime notizie sull'ingresso nelle Filippine. Attualmente, il principale aeroporto internazionale di Manila (NAIA) continua ad essere operativo per i voli internazionali.

Per quanto riguarda gli ingressi nelle Filippine di cittadini stranieri e italiani, di seguito è riportato l'elenco aggiornato di chi può entrare nel paese (tali disposizioni risultano tuttavia sospese sino al 15 gennaio 2021):

  • Coniugi e figli stranieri di cittadini filippini;
  • Membri dell'equipaggio di una compagnia aerea straniera;
  • Marinai stranieri con 9(c) visto
  • Funzionari governativi e funzionari internazionali accreditati nelle Filippine;
  • Cittadini stranieri con visto a lungo termine (dal 1° agosto):Un visto per non immigranti rilasciato ai sensi dell'articolo 13 della legge sull'immigrazione (visto della serie di cui all'articolo 13 della legge sull'immigrazione: a,b,c,d,e,g); coloro che hanno acquisito lo status di residenti ai sensi della legge della Repubblica 7919 o della legge sull'integrazione sociale degli stranieri (visto RA 7919); coloro che si sono avvalsi dell'Executive Order 324 o del Programma di legalizzazione degli stranieri (visto EO 324); e i cittadini stranieri di origine nativa.
  • Genitori stranieri di cittadini filippini minorenni.
  • Quelli con visto rilasciato dall'Ufficio per l'Immigrazione ai sensi del PO n. 226 o dell'Omnibus Investments Code, e successive modifiche, e della legge della Repubblica n. 8756
  • Quelli con visto 47(a)(2) rilasciato dal Dipartimento di Giustizia.
  • Quelli con visto rilasciato dall'Aurora Pacific Economic Zone e dalla Freeport Authority, e dalla Subic Bay Metropolitan Authority.
  • I titolari di visti rilasciati dall'Ufficio per l'Immigrazione ai sensi dell'articolo 9(d) della legge n. 613 del Commonwealth Act No. 613
  • Quelli con visto rilasciato dall' Freeport Area of Bataan, Cagayan Economic Zone Authority, and Clark Development Corporation.
  • Coniugi e figli stranieri di cittadini filippini, indipendentemente dall'età, che viaggiano con loro (dal 7 dicembre)

L'ingresso di questi cittadini stranieri nel paese, tuttavia, è soggetto a condizioni, in quanto devono avere un visto valido ed esistente al momento dell'ingresso e devono allo stesso modo avere una struttura di quarantena accreditata prenotata in anticipo. Inoltre, devono essere soggetti alla capacità massima di passeggeri in entrata al porto e alla data di ingresso e devono seguire le leggi, le norme e i regolamenti applicabili in materia di immigrazione.

Si consiglia vivamente ai connazionali che vogliano rientrare nelle Filippine di confermare la loro appartenenza alle categorie di residenti a cui è permesso il rientro, rivolgendosi all'Ambasciata filippina a Roma o al Consolato Generale filippino a Milano.

Ai passeggeri che non rientrano in tali categorie verrà negato l’accesso nelle Filippine. In ogni caso, al momento dell'arrivo, tutti i passeggeri verranno sottoposti ad un test per accertare la mancata infezione da coronavirus (COVID-19 RT-PCR test) e attendere i risultati in una struttura di quarantena tra quelle approvate dalle autorità filippine. Il costo della quarantena ricadrà sul singolo passeggero. 

 

Donazioni

Si rende noto che le offerte di grandi donatori e collettori, anche tramite iniziative di fundraising e crowdfunding, possono essere fatte affluire sul conto corrente le cui coordinate si riportano di seguito:

Conto corrente di tesoreria 22330;
Intestato a Presidenza del Consiglio dei ministri, Dipartimento della protezione civile CF 97018720587;
Coord. Bancarie IBAN: IT49J0100003245350200022330;
BIC: BITA IT RR ENT;
Causale: COVID19
CIN: J

Non essendo un conto specificamente dedicato, nel bonifico andra' sempre indicata la causale COVID19.

Nota: la European Food Safety Authority (EFSA) ha diramato un comunicato stampa, secondo il quale attualmente non ci sono prove che il cibo sia fonte o via di trasmissione probabile del coronavirus. Tale comunicato e' disponibile in italiano, francese, inglese e tedesco al seguente link: www.efsa.europa.eu/en/news/coronavirus-no-evidence-food-source-or-transmission-route

 


411